Soggiorno studio a Southbourne (UK) 2019

 

 

At the beginning of the school year 2019/2020 some of us from the LES took part, accompanied by the teachers Ms Antonucci and Calabria, in the study trip based in Southbourne, a seaside resort located in the suburbs of Bournemouth, in the south of England, from 15th to 22nd September 2019.

The program included various activities: three morning school hours from Monday the 16th to Friday the 20th , where we were divided into various classes depending on the level reached in the entry test that the Southbourne School of English sent via e-mail to each of us.

We students were able to interact with international teachers and students from all over the world, including Switzerland, Ecuador, Spain, Venezuela, Colombia and Japan, while facing issues related to law, economics, culture and grammar of the English language. Afternoons presented various projects organized by the school, which are considered as part of the alternating school-work program for a total of 35 hours.

These activities included:

•    The charity shop challenge, where we were required to interview those who work in a charity shop, which is a store that donates all its profits to charity (such as cancer research institutes),and where we had to find a bargain and present it in the class, considering some features like quality, utility and price.

•    The visit to the Bournemouth Library, a huge two-storey library with thousands of books available, which were useful for us in order to find a person who was important in Bournemouth and to introduce his/her life on Thursday morning.

•    The visit to the Bournemouth Crown Court, with the suggestive participation to a trial.

•    A half-day excursion in Salisbury, with a planned  visit to the Salisbury Cathedral with the Magna Charta and the historical centre.

•    A full day excursion in Bath, visiting the Roman Baths and the Bath Abbey, the Poultney Bridge and the Parade Gardens.

This experience gave us the possibility to enrich our culture heritage and to improve our English while enjoying the city life, the warm sand of Southbourne beach under our feet and the rest of the environment.

Francesco, Nicole, Ksenia, Irene, Simone, Tommaso (5BE, 4AE, 4BE)

 

 

Dal giorno 15 al 22 di settembre le classi 3°AE, 3°BE, 4°BE e 5°BE sono state protagoniste di un soggiorno studio nel Regno Unito, più precisamente nella contea del Dorset, a Bournemouth nel sobborgo di Southbourne. Il fine dell’iniziativa è stato quello di ampliare le nostre conoscenze di grammatica, pronuncia e comunicazione grazie a dei corsi mattutini con insegnanti madrelingua e al soggiorno in famiglie inglesi della zona.

Domenica 15 settembre ci siamo trovati di fronte alla scuola  Zanon alle 2.45 del mattino. Alle 4.30 circa siamo arrivati in aeroporto più addormentati di come eravamo partiti, pronti per fare il check-in. Circa alle 7 siamo decollati alla volta di Londra Gatwick dove siamo arrivati poco dopo.

Una volta in aeroporto è arrivato a prenderci un signore che lavorava per la scuola, Abdi (che in seguito si rivelerà essere l’“host dad” di uno di noi studenti). Dopo 2 ore di pullman siamo arrivati nella ridente cittadina di Southbourne dove abbiamo dato una prima occhiata alla scuola. Verso mezzogiorno abbiamo incontrato le nostre host families, dopo esserci sistemati e aver mangiato qualcosa ci siamo incontrati nuovamente per andare in spiaggia, dove solo pochi impavidi hanno fatto il bagno, e successivamente in centro a Bournemouth alla fine di una lunga camminata.

Ogni mattina ci si incontrava alle 8.45 fuori da scuola e dopo un breve appello si entrava in classe. Le lezioni andavano avanti fino alle 10.30, poi dopo un breve break ricominciavano per poi terminare alle 12.45. Nel pomeriggio erano previste delle attività di alternanza scuola lavoro che ci tenevano occupati fino alle 16.30.

Il primo giorno abbiamo svolto un progetto divisi in gruppi: il giro nei “charity shops” che consisteva nell'avere a disposizione un  budget di 5 sterline con le quali dovevamo acquistare gli oggetti  che avrebbero fatto più comodo ad un senza tetto.

Il secondo giorno siamo andati nella biblioteca comunale di Bournemouth, durante il viaggio i nostri stomaci sono stati messi a dura prova dalla guida del buon Terry (autista della scuola). Lì abbiamo cercato materiale per una ricerca che aveva come soggetto un personaggio famoso della  zona per  le sue azioni legate al volontariato o alla legge.

Il terzo giorno abbiamo assistito ad un processo alla Corte di Bournemouth  che vedeva come imputati del crimine di frode 3 personaggi i quali si erano finti operai per poter rubare indisturbatamente. Il giorno successivo siamo rimasti a scuola dove abbiamo preparato il lavoro che poi avremmo esposto l’indomani.

Venerdì siamo andati in escursione nell’affascinante cittadina di Salisbury,  caratterizzata  dalla presenza  di una gigantesca cattedrale stile gotico dove abbiamo ammirato una copia della famosa Magna Charta.Salisbury è una città molto piccola, le case presentano una varietà di colori non indifferenti.  I ristoranti e i negozi  sono costosi ma la cittadina rimane molto viva, un luogo che trasmette pace, tranquillità e cultura distaccandosi dalle più grandi  metropoli.

Sabato invece siamo stati a Bath che è una città d’arte molto  particolare, una città completa piena di storia e innovazione; la presenza dei Romani ha influenzato molte costruzioni ed edifici al suo interno.

Le terme di Bath rappresentano una delle pochi fonti della storia romana in Inghilterra. Dopo aver ammirato molte opere, reperti e sculture nell’audio-tour ci è stato proposto l'assaggio di un’acqua, assai difficile da bere a causa del suo sapore ferroso. Quest'acqua è identificabile come l'acqua romana che grazie alla ricca presenza di ferro depura il corpo. A Bath abbiamo incontrato anche tanti artisti di strada, rappresentanti di novità musicali ed artistiche non da poco: dai violinisti ai pittori e ai cantanti, capiamo che non mancano varie forme di attrazione in questa città.

In conclusione possiamo dire che questo soggiorno scolastico è stato pieno di divertimento, informazioni e curiosità. Avere una testa aperta alle novità, alle culture diverse, ma anche avere uno stomaco in grado di sopportare ciò che potrebbe mostrarsi ad una prima impressione poco appetitoso è fondamentale. Il percorso di chi ha scelto questo Liceo è volto alla conoscenza per cui riteniamo questa esperienza fatta all’estero valida.

Gianmaria e Daniele (3BE)

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.